Hardware e Software

Aiuto, il PC è troppo lento.

Posted on Posted in Hardware e Software

Il PC è diventato troppo lento. Devo comprare per forza un nuovo PC?

Molti di voi avranno notato che un computer appena acquistato è decisamente molto veloce.

Con il passare del tempo è come se le prestazioni avessero un decadimento progressivo fino ad arrivare a delle lentezze esasperanti.

I motivi possono essere molteplici. Prima di tutto la scelta iniziale del computer.

Ogni personal computer ha un suo utilizzo peculiare. Ci sono i personal computer molto veloci e potenti studiati appositamente per un utilizzo casalingo. Funzionano bene per la navigazione, per i giochi ma le componentistiche interne non prevedono il fatto di dover rimanere in attività per molte ore al giorno.

Poi ci sono i computer professionali che, a parità di componenti, invece hanno una qualità interna studiata appositamente per la durata. Sono ingegnerizzati in maniera tale che possano reggere il fatto di stare accesi dalle 12 alle 14 ore al giorno, e oltre,  senza riportare grossi danni.

Un secondo motivo potrebbe essere il disco pieno. È facile da vedere perché basta aprire le risorse del computer, cliccare su questo computer e vedere lo spazio libero. Normalmente dovrebbe essere almeno per metà libero in maniera da poter lasciare spazio utile all'elaborazione.

Altro motivo e l'obsolescenza dei componenti interni. Come ogni cosa anche i computer hanno una usura, quindi è chiaro che subiscano dei decadimenti fisiologici e ad un certo punto vadano per forza cambiati.

Le prime cose che subiscono una usura sono sicuramente tutte quelle parti che contengono parti meccaniche come per esempio l'hard disk.

HardDiskGli hard disk sono composti da dei piatti che girano a velocità più o meno elevate, normalmente nei personal computer vanno da 5400RPM o 7200RPM, e da una testina che legge le informazioni contenute.

Più alte sono le rotazioni per minuto e più informazioni vengono lette e trasferite al processore per l'elaborazione. Non è strano il fatto che i cuscinetti che permettono di far girare i dischi si ossidino per cui il numero di giri rallenta e le informazioni passate sono minori.

Oltre a questo c'è anche il fatto che ogni utente, nella vita del proprio computer, effettua un sacco di operazioni di aggiunta è tolta di software e ho dati. Questo fa sì che all'inizio il Personal Computer nuovo abbia tutti i dati organizzati in maniera sequenziale e ordinata con il risultato che la testina può trovare le informazioni molto velocemente. Più che si va avanti con il tempo e più che le informazioni sono frammentate e distribuite a casaccio per tutta la superficie del piatto (foto). Ciò significa che ogni volta che il professore chiede un'informazione la testina deve fare un sacco di "strada" per cercare di fornire quanto richiesto nel minor tempo possibile.

Facciamo un esempio.

Pensate al processore del personal computer come ad un Ragioniere che, per compilare il bilancio dell'azienda, deve recuperare una serie di informazioni. Queste informazioni si trovano in una stanza piena di scaffali dove sono stipati una serie di faldoni. All'inizio gli scaffali sono mezzi vuoti e le informazioni sono organizzate in modo ordinato e quindi molto bene eccedibili. Per trovar le informazioni delega uno stagista a cui consegna una lista documenti che gli necessitano per la compilazione del bilancio. Lo stagista, seguendo gli indici forniti, andrà allo scaffale giusto e recupererà i documenti  dagli scaffali fino a raccogliere tutto quanto richiesto dal ragioniere in un tempo molto breve. Passano gli anni e, togli i faldoni, metti i faldoni, le informazioni non si trovano più in modo sequenziale ma iniziano ad essere sparse per tutta la lunghezza degli scaffali. A questo punto lo stagista per trovare le stesse informazioni dovrà aggirarsi come un pazzo per tutta la stanza fino a raccogliere quanto richiesto dal ragioniere mettendoci un tempo decisamente più lungo.

Ecco, lo stagista è la testina e gli scaffali sono i piatti dell'hard disk. Più le informazioni sono frastagliate e più la testina impiegherà tempo per recuperare le informazioni richieste dal processore per l'elaborazione.

DEFRAG
Esempio di disco frammentato con deframmentazione

Per risolvere questo problema esistono diversi programmi utili per la deframmentazione del disco ma il metodo più efficace, senza dover acquistare un PC nuovo, è quello di salvare i dati all'esterno, formattare il PC per ripristinarlo alle condizioni di fabbrica e poi trasferire nuovamente all'interno del PC in modo che i dati vengano scritti in modo "ordinato" e veloce.

Questa operazione è lunga, dispendiosa e, tenendo conto anche dell'usura delle componenti, risolve molto poco.

Un altro metodo decisamente più efficace, sempre che il PC in questione sia compatibile e non troppo obsoleto, è sostituire l'HDD con un SSD.

Gli SSD (Solid State Disk) sono dei dischi senza disco, ovvero sono delle memorie senza nessuna parte meccanica in movimento.

Per tornare all'esempio del Ragioniere pensate al fatto che il povero stagista abbia la capacità di imparare a memoria tutto il contenuto degli scaffali. Alle richieste del Ragioniere lo stagista, che non deve più aggirarsi fra gli scaffali, fornirà "a mente" tutti dati in tempo molto più breve rispetto a prima con la conseguenza diretta di velocizzare l'elaborazione diminuendo i tempi morti di attesa.

Normalmente con il cambio da HDD a SSD il PC aumenta le proprie performance da 3 a 6 volte, a seconda della tecnologia e velocità del processore, ad un costo decisamente più basso rispetto a ricomprare un nuovo personal computer. Ciò non toglie che la modifica possa richiedere del tempo per la reinstallazione dei Software e il trasferimento dei dati dal vecchio al nuovo ma, tramite software particolari, si riesce a minimizzare questo tempo "clonando" il vecchio HDD sul nuovo SSD in modo veloce e sicuro.

Gianluca Banti

Da circa 25 anni presente nel mondo dell'informatica avendo ricoperto per diverse aziende, anche a livello nazionale, ruoli inerenti allo sviluppo commerciale. Da sempre interessato al mondo Internet ad oggi si occupa di gestione grandi clienti e sviluppo Marketing e Web Marketing per System Line srl.

Vuoi velocizzare il tuo PC?

Contattaci per valutare senza alcun impegno e gratuitamente se il tuo PC è in grado di supportare la nuova tecnologia di dischi allo stato solido (SSD).

Lascia un commento